Page d'accueilPlan du siteAjouter aux FavorisImprimerEnvoyer à un ami
Osteopata D.O Paris
Kinesitherapeute
Patrice Malaval
Origini

L'osteopatia cranio sacrale nasce per opera di D.O. Sutherland, Osteopata e Chiropratico che, nel 1934 in “The Cranial Bowl”, teorizza l’esistenza del Movimento di Respirazione Primaria (M.R.P.), movimento intrinseco della massa cerebrale che produce spostamento di liquido cefalo rachidiano nei ventricoli, nella scatola cranica e nel midollo spinale. dinamiche fra mandibola e ossa mascellari e fra mandibola e base cranica.

 Il movimento craniale dimostrato da W. G. Sutherland si è rivelato di importanza vitale per la Salute e per la funzione immunitaria del corpo, e l’osteopatia detta "craniale", interessandosi olisticamente all’individuo e al suo essenziale potenziale di autoguarigione, cerca di operare per rendere questa fisiologica funzione attiva ed efficace.

Fin dalla sua "invenzione", l'osteopatia detta craniale, non è stata facilmente accettata negli ambienti medici, osteopatici e scientifici, anzi è stata spesso confutata e negata. Tuttavia tali tecniche manuali, non invasive, sono in grado di alleviare efficacemente tensioni, traumi e stress fisici che possono ostruire o interrompere il movimento cranico, e ciò può causare una varietà molto ampia di problemi sia al cranio che al sacro, ma non solo.

Terapia
Vign_image_defaut_ori

Il Sistema cranio-sacrale prende nome dalle ossa che, insieme alla colonna vertebrale, circondano il sistema nervoso,parliamo quindi delle ossa del cranio e dell'osso sacro. Il cervello ed il midollo spinale sono ricoperti da tre membrane protettive, tra le quali circola il liquido cerebrospinale.

La meninge più esterna, chiamata "Dura Madre", è fissata alla parte interna del cranio e ad alcuni punti della colonna vertebrale. Il liquido spinale e cerebrale viene prodotto e riassorbito all'interno della scatola cranica: la sua quantità aumenta e diminuisce regolarmente, cambiando di conseguenza anche la pressione esercitata sulla meninge. Viene così a crearsi un movimento ritmico di tale membrana, detto « ritmo cranio-sacrale ».Nei punti di saldatura delle ossa del cranio sono presenti vasi sanguigni, terminazioni nervose e tessuti connettivi. Tramite queste strutture vitali le ossa del cranio si muovono insieme alla membrana. Il ritmo cranio-sacrale si propaga dalle ossa del cranio lungo tutta la colonna vertebrale fino all'osso sacro, ed anche nelle parti periferiche del corpo attraverso la fascia connettivale.Le ossa del cranio e della colonna vertebrale sono ricoperte al loro interno da dei tessuti membranosi dette meningi che avvolgono il cervello ed il midollo spinale cioè il nostro sistema nervosoll corretto funzionamento del cervello e del midollo spinale, degli organi di senso come gli occhi e le orecchie, degli organi interni e dei visceri, nonché del sistema endocrino (all'interno del cervello si trovano il sistema limbico, l'ipotalamo e l'ipofisi, "direttori d'orchestra” di tutto il sistema neuropsicoendocrino) possono essere condizionati anche da minime variazione della corretta posizione delle strutture appartenenti al sistema Cranio-Sacrale.


Al fine di riequilibrare questo complesso sistema per riportare tali strutture nella loro fisiologica collocazione in maniera stabile e duratura è necessario trattare non solo il sistema Cranio-Sacrale ma anche i tessuti connettivi e fasciali, muscolosceletrici e viscerali, che prendono inserzione sulle strutture ossee appartenenti o correlate al sistema stesso. I tessuti connettivi e fasciali, infatti, qualora non perfettamente elastici non sono più in grado di esprimere i fisiologici movimenti di scivolamento nei confronti delle strutture fasciali contigue con la conseguenza di alterare la funzionalità delle strutture ossee, viscerali, nervose e vascolari che avvolgono o su cui si inseriscono.

L'elasticità dei tessuti connettivi e fasciali viene compromessa a seguito di qualunque tipo di processo infiammatorio a carico di qualsivoglia apparato. La presenza di pregresse infiammazioni, infezioni, interventi chirurgici, traumi distorsivi o fratture, in presenza di sintomi attivi, costituiscono un ottima indicazione per il trattamento cranio sacrale.
 centrale; tutte queste strutture fanno parte del Sistema Cranio-Sacrale.

Patrice Malaval