Page d'accueilPlan du siteAjouter aux FavorisImprimerEnvoyer à un ami
Osteopata D.O Paris
Kinesitherapeute
Patrice Malaval
 
Vign_images
CHE COS'È IL METODO MÉZIÈRES ?

Il metodo Mézières è un metodo di cura rivoluzionario , scoperto nel 1947 da Françoise Mézières. Essa ha visto, capito e, raffinato con pazienza il suo metodo, per farne lo strumento meraviglioso e così efficace che ha trasformato la nostra vita di terapisti e la vita di un numero incalcolabile di pazienti guariti...

Si può affermare che il metodo Mézières consiste nel trovare,nello squilibrio generale di tuta la nostra muscolatura, il muscolo o i muscoli contratti o raccorciati, nel lavorare questi muscoli nella loro manifestazione patologica per far allentare le tensioni e per ridargli la loro lunghezza originale, affinché il corpo possa ritrovare la sua forma armoniosa.

In effetti l'applicazione di questo metodo va oltre le sue indicazioni ortopediche e di fisioterapia. Si può affermare che il Metodo Mézières, anche se differente da tutti gli altri metodi, è dell'osteopatia strutturale - Vi è un'assoluta complementarità fra il metodo Mézières e l'osteopatia.

Stesso approccio/contatto del paziente (ossa, visceri, fasce, muscoli)

(1)Il movimento è la vita, tutte le strutture anatomiche sono in movimento le une in rapporto con le altre (2)La struttura determina la funzione (3)L'omeostasi che è la capacità dell'organismo di riequilibrarsi e di autoripararsi

I principi del metodo sono semplici e logici. Ma l'attuazione pratica di un trattamento Mézières è molto più difficile da realizzare!

Un trattamento Mézières richiede, da parte del terapista, una grande precisione ed esige un'osservazione rigorosa e minuziosa di tutto il corpo nei suoi svariati comportamenti adattativi.


  MECCANISMO D'ADATTAMENTO DEL CORPO

a) Osservazione

Per funzionare bene, il corpo deve essere armonioso, equilibrato, simmetrico, così come la natura lo ha concepito originariamente. Ogni elemento anatomico deve essere libero nei suoi movimenti propri e nei movimenti legati alla dinamica generale. Tutte le lesioni, a qualsiasi livello, avranno una ripercussione in tutto il corpo. Quest'ultimo deve rispondere al canone di bellezza concettualizzato dai Greci antichi con il numero aureo e rappresentato da Apollo che ne è la materializzazione perfetta. In un corpo costruito armoniosamente, tutto funzionerà bene!

La forma armoniosa determina la funzione armoniosa. Si recupera la funzione tramite la forma e non il contrario!

Come si può immaginare una respirazione corretta, con un torace deformato?

Sono le nostre deformazioni che disturbano le funzioni e che sono all'origine di molte malattie. Ad esempio, un diaframma bloccato in inspirazione avrà un'influenza negativa a livello della punta del cuore. Quante persone, ritenute affette da problemi cardiaci perché vittime di un torace deformato e bloccato in inspirazione, diventeranno in seguito veri malati di cuore.

Queste deformazioni, queste asimmetrie d'adattazione sono la conseguenza delle tensioni o dei raccorciamenti muscolari che rompono l'equilibrio funzionale tra i vari muscoli della dinamica e della statica... e determinano i rapporti perturbati tra le ossa, le superfici articolari, disturbano la circolazione arteriosa, venosa, comprimono radici nervose, ecc. A volte basta guardare il paziente per conoscere i disturbi e i trucchi che costui automaticamente e inconsciamente mette in atto per evitare il dolore causato da una posizione antalgica, fonte essa stessa di altri dolori...

Ad esempio, a livello del ginocchio, un'eccessiva rotazione interna del femore accompagnato da un'eccessiva rotazione esterna della tibia, oltre all'adattamento del perone spostato e tirato verso l'alto, può essere provocato da un problema di bacino, (ileo-sacrale), di vertebre cervicali, di spalla, d'astragalo, ecc.

Ristabilendo l'equilibrio di tutte le tensioni, tramite un lavoro Mézières, i problemi a livello del ginocchio spariscono (sindromi rotulee, problemi di menisco, lesioni di perone alto con conseguente instabilità tibio-tarsica, ecc.).

b) meccanismo d'adattamento della muscolatura

I muscoli possono essere mono o poliarticolari e fanno da ponte su una o più articolazioni. I muscoli poliarticolari avendo svariate funzioni fisiologiche possono adattarsi facilmente in caso di disturbi di una funzione utilizzando le fisiologie restanti in modo più intenso e richiedendo l'aiuto e la cooperazione di altri muscoli mono o poliarticolari in un contesto di catene muscolari in sinergia fra di loro.

Ad esempio: i semi-menbranosi e i semi-tendinosi, che se troppo corti accentuano fra l'altro i movimenti di adduzione, di rotazione interna e di flessione; in caso di accorciamenti estremi provocano un ginocchio recurvatum , che non è una lassità come molti pensano. I muscoli monoarticolari avendo una sola fisiologia saranno più facilmente dolorosi dei muscoli poliarticolari.

Oltre a questa limitazione fisiologica, i mono-articolari sono situati in posti cruciali (ad esempio, alcuni muscoli occipitali, alcuni muscoli pelvi-trocanterici, i muscoli poplitei, ecc.). Con la loro unica fisiologia, subiscono direttamente le cattive posizioni dei segmenti stirati da grandi squilibri e saranno facilmente doloranti.

Molte volte il male è distante dal luogo della sua manifestazione, quindi non bisogna confondere la causa del male ed il suo sintomo! (Ad esempio, problemi cervicali provenienti da un'instabilità astragalo-calacaneare).

Per questo bisogna sempre eseguire un trattamento generale e non segmentario. Tutto il corpo deve essere lavorato in tutte le sue componenti e nello stesso tempo!

c) Origine dei meccanismi d'adattamento

Il nostro corpo è programmato per non avere dolore. Per questo concepisce svariati comportamenti adattativi, sia fisiologici che statici. Inoltre deve poter conservare delle grandi egemonie quali la posizione eretta e lo sguardo orizzontale (equilibrio dell'orecchio interno).

Riflesso antalgico a posteriori: riflesso cosciente. Dopo una caduta o un colpo, il nostro corpo prende una posizione meno dolorosa e si adatta alla nuova situazione.

Riflesso antalgico a priori: all'insaputa della nostra coscienza, il corpo prende una nuova posizione statica non dolorosa, ancora prima dell'apparizione del dolore.

Origine viscerale: relazione tra pelle (dermatomo), viscere (viscerotomo) e muscoli (miotomo). Ad esempio, dei disturbi cardiaci, renali, ovarici, ecc. avranno sempre come conseguenza delle tensioni, e con il divenire cronici sopraggiungeranno degli accorciamenti dei muscoli corrispondenti (vedi carta delle corrispondenze tra viscere e miotomi), il tutto accompagnato da svariati dolori.

Problemi psicologici: l'attitudine corporale è sempre in stretto rapporto con i problemi psicologici. Modificando l'attitudine corporale tramite una nuova statica non mancherà di agire positivamente o negativamente sul comportamento mentale del paziente.

Problemi sensoriali: una persona che vede male, che sente male avrà sempre uno schema corporale e statico disturbato, delle tensioni muscolari disequilibrate, degli importanti accorciamenti muscolari.

La lista non è esaustiva...

Ai meccanismi patologici delle nostre deformazioni si aggiunge un altro meccanismo non patologico di deformazioni-adattamenti, proprio dell'"Homo Erectus", che è appunto LA POSIZIONE ERETTA.

La posizione eretta: ci impone in parte la forza di gravità, ma soprattutto un accorciamento della nostra muscolatura che, avendo un punto fisso inferiore, ci tira continuamente verso il basso. Si aggiunga l'adattamento delle masse (testa, torace, bacino, ginocchio, ecc.) per ottenere una situazione di equilibrio migliore, meno stancante e più economico nel quale la muscolatura interviene a ristabilire l'equilibrio quando il centro di gravità tende ad uscire dal poligono di sostegno. Quindi i nostri muscoli si contraggono continuamente in posizione di accorciamento. Il credito lunghezza rubato non sarà mai restituito. Ci si rattrapisce e ci torciamo sempre di più.

Il metodo Mézières è il solo metodo capace di combattere efficacemente questi meccanismi e di farli sparire definitivamente.

  LA SEDUTA MEZIERES

Prescritta da un medico (generico o specialista).

Durata media - da 45' a 60', la durata di una seduta non ha alcun rapporto con l'età del paziente la durata dipende dallo stato del paziente al momento della terapia ogni seduta è totalmente "adattata" al paziente Una seduta a settimana, senza dover eseguire ulteriori esercizi a casa (salvo casi rari) se la seduta durasse più di 60' sarebbe anche ideale

Esame clinico

Vedere le deformazioni e i disequilibri del paziente

Ascoltare Il vissuto del paziente (le sue esperienze coscienti ed inconsce)

Palpare i tessuti per sentire le zone di grande tensione, scoprire i dolori nascosti, conosciuti o sconosciuti al paziente, a volte lontani dai sintomi

Il trattamento Mézières

Il solo mezzo per eliminare le cause del dolore, solo mezzo per trattarle efficacemente e in modo duraturo.

http://www.mezieres.it/italien/la_methode.php#m8



Patrice Malaval