Page d'accueilPlan du siteAjouter aux FavorisImprimerEnvoyer à un ami
Osteopata D.O Paris
Kinesitherapeute
Patrice Malaval
Anatomia
Vign_np_i_96

Anatomia del nervo pudendo

Il nervo pudendo origina dal midollo spinale a livello sacrale, precisamente dalle radici nervose che escono attraverso i fori intervertebrali S2-S3-S4.
Da qui scende lungo la schiena, attraversa il grande forame ischiatico, dietro al muscolo Piriforme .
Sotto questo livello si divide in due rami: Nervo perineo e Nervo dorsale del pene, che continuano fino al pene o alle grandi labbra della vulva.

Sono inoltre presenti fibre parasimpatiche per le arterie dei genitali che stimolano l'erezione dei corpi cavernosi
È un nervo sia sensitivo che motorio, innerva la regione dello sfintere anale, i genitali e la pelle compresa tra questi.

- La componente muscolare innerva i muscoli trasverso superficiale del perineo, ischiocavernoso e bulbocavernoso.

- La componente sensitiva innerva la cute di perineo e genitali esterni e i corpi cavernosi.

 

Tristemente, molta gente con la nevralgia pudendale (anche conosciuta come “neuropatia pudendale” o “intrappolamento del nervo pudendo”)sono ancora alla ricerca delle risposte all'interno del sistema medico. Molti hanno avuto varie diagnosi errate ripetutamente, altri sono stati sottoposti ad inappropriati e inutili interventi chirurgici. In aggiunta, molti sono stati ‘etichettati’ da medici che non avevano idea di cosa li affliggesse, come persone ‘malate di mente’ da mandare in cura presso psichiatri.

La maggior parte delle volte,il dolore si è installato senza un motivo particolare, a volte è preceduto dalla parestesia (intorpidimento, perdita delle sensazioni) nella zona più bassa dell’area della pelvi/natiche/genitali/retto/perineo. Il protrarsi dello stare seduti al lavoro, i frequenti e lunghi viaggi in auto, sono due fra le principali cause di compressione del nervo pudendo. Nei giovani, gli sport che coinvolgono le gambe come il sollevamento pesi, e la pratica del ciclismo, sono tra le principali cause per lo sviluppo di questa condizione. Nella Comunità della medicina di sport a volte è denominato la “sindrome del ciclista”. Il tessuto cicatriziale derivante da una precedente operazione nella zona pelvica/rettale/genitale ha contribuito allo sviluppo della PNE. La donna ha sviluppato PNE dopo un parto difficile o dopo avere avuto un'isterectomia. Per molti tuttavia, la causa rimane sconosciuta.

Sintomi
Vign_sans-titre

Sintomi

Poichè la maggior parte della gente sviluppa gradualmente questa condizione, è importante capire i sintomi relativi, per prevenire danni ulteriore ai nervi. Ecco i sintomi classici di PNE:

lI sintomo principale è dolore nella zona innervata dai nervi pudendali. Stare seduti diventa intollerabile.Il dolore diminuisce quando ci si sdraia o sedendosi su una tavoletta del wc.

Il dolore può arrivare più tardi o persistere, dopo che uno abbia identificato la fonte dell’aggravamento (stare seduti troppo lungamente, camminare troppo, fare troppo, ecc.)

Solitamente, il dolore aumenta gradualmente durante il giorno e diminuisce o scompare durante la notte. La maggior parte delle persone sofferenti di PNE si sentono meglio al mattino.Il tipo più comune di dolore è una sensazione di bruciore.

L'altro tipo di dolore sperimentato spesso è: il torcimento, sensazioni di stiramento, sensazioni di scossa elettrica, dolori vaghi, dolori da trafittatura,coltellate, sensazione di punture di spilli, pungiglioni, l'intorpidimento e le sensazioni di freddo. Il livello di dolore può variare di tanto in tanto ma la natura del dolore è costante. Il dolore si manifesta intorno alle zone differenti.

I sintomi di PNE possono anche includere:

Dolore soltanto da un lato o da entrambi i lati del perineo, naticaIntolleranza ai pantaloni stretti.

Sensibilità di infiammazione e di attrito lungo il corso del nervo quando si cammina troppo a lungo o si corre. Tuttavia, camminare ragionevolmente contribuisce a distendersi i muscoli ed a ridurre il dolore per la maggior parte della gente con PNE.

Dolore in posizione eretta per 20% della gente con PNE.

Parestesia e eventualmente perdita di sensibilità nel territorio del nervo pudendo: pene, vagina, clitoride, perineo e natica.

Eruzione sui genitali, cambiamento della pelle, più gommosa, - sul perineo, sull'inguine e sulla natica più bassa.

Problemi della vescica: incontinenza, disuria (difficoltà o dolore nello scaricare urina), difficoltà nel rilevare la sensazione dell'urina quando passa dall’uretra; necessità di spingere per svuotare vescica, urgenza ad urinare.

Problemi intestinali: costipazione (o inversamente diarrea), dolore durante o dopo il movimento delle viscere ed i frequenti emorroidi.

Problemi sessuali maschili: alcuni uomini si lamentano di una diminuzione delle erezioni. Possibilità di impotenza. Il dolore durante o dopo la eiaculazione è frequente. Il dolore allo scroto/testicoli è molto comune.

Problemi sessuali femminili: Dolore durante e dopo i rapporti. Molte donne non tollerano lo stimolo al clitoride.

Sciatica Della Natica: intorpidimento, freddezza, bruciori, sensazione di scosse nei piedi e nelle natiche. Ciò è più spesso dovuto una reazione di tensione del muscolo circostante al dolore nella regione del bacino. Può essere causata da un incrocio fra il nervo pudendo infiammato ed il nervo sciatico.

Dolore lombare derivante dall'irradiazione del dolore.

I sintomi possono essere unilaterali o bilaterali. Se l'intrappolamento è soltanto da un lato, il dolore può anche essere riflesso all'altro lato.

Diagnosi
Vign_imagesSQTMBVTS

 I fattori predominanti nella diagnosi della nevralgia pudendale nevralgia sono i SINTOMI.

(Gli esami strumentali come la risonanza magnetica sono negativi.)

Quindi, gli esami medici che si dovrebbero fare sono:

1. L’esame clinico :L’esame clinico è piuttosto scarso. L'elemento piu’ costante è una ripetizione o un peggioramento del l dolore durante il tocco rettale alla zona ischiale della spina

2. Esplorazione di CT o di MRI : Sono usati per escludere tutte le altre lesioni organiche o per trovare altre cause delle compressioni del nervo particolarmente al livello della spina. Molti altri termini come la sindrome della cauda equina o la disfunzione delle giunzioni sacro iliache (SIJD) hanno alcuni sintomi simili alla PNE .

3. Prova Di Stato latente Del Motore Del Nervo Pudendale (PNMLT) : Un PNMLT è una procedura elettrofisiologica, simile ad un EMG (elettromiografia), che misura la velocità di conduzione del nervo

4. Blocco diagnostico : Un blocco diagnostico, o "un bloccaggio del nervo", è un'iniezione con un analgesico locale come lidocaina o uno dei relativi derivati (anche usati dai dentisti).

Nella ricerca dell'diagnosi

La diagnosi finale della nevralgia pudendale è basata su un persona che ha almeno due sui tre test di verifica:

1 sintomi tipici di PNE,

2 una prova elettrofisiologica anormale

3 una risposta positiva al blocco (analgesico) diagnostico del nervo.

Osteopatia

L’esame biomeccanico-posturale studia l’influenza sul pavimento pelvico della postura e degli elementi che consentono di mantenere l’equilibrio e permettono la mobilità corretta: è il momento centrale in cui viene identificata la “forma funzionale” del paziente e individuato come il sistema biomeccanico si è adattato a causa della presenza di una disfunzione pelvi-perineale.

Nella quasi totalità dei casi ci si trova di fronte alla sovrapposizione di alterazioni biomeccaniche-posturali e neurologiche.

- tessuti molli, manipolando e mobilizzando il bacino per renderlo biomeccanicamente più funzionale, il tratto lombare, il sacro e l’articolazione sacroiliaca.

- ligamento sacro ischiatico

 Le manovre osteopatiche consentono di recuperare l’instabilità della pelvi derivata dalla limitazione funzionale, di ritrovare la giusta mobilità della pelvi e del rachide modificando la postura e la capacità di movimento.

Patrice Malaval